LA STORIA

La Galleria, da simbolo di Milano
a vetrina del made in Italy

Vieni a scoprire la storica cornice de Il Mercato del Duomo,
la Galleria Vittorio Emanuele II
Una pietra miliare del patrimonio culturale del nostro Paese

C’era una volta la Galleria Vittorio Emanuele II.
Oggi con Il Mercato del Duomo scriviamo una nuova pagina di storia.

Facciamo un salto agli inizi del 900, quando in Italia e nel resto d’Europa si faceva largo l’idea che ha cambiato per sempre le abitudini di tutti noi: commercio e tempo libero, insieme.

A partire da allora, per oltre un secolo, la Galleria è stata testimone di molte trasformazioni culturali e sociali, ma soprattutto dell’evoluzione degli stili alimentari:
dal Bar Motta al Magic Restaurant, dallo Spaghetti Bar alla Terrazza Aperol.

Fino ad oggi, con il nuovo progetto di Autogrill, che consacra Il Mercato del Duomo
a simbolo delle radici della cultura eno-gastronomica italiana.

Ti aspettiamo a Il Mercato del Duomo,
per scrivere insieme una nuova pagina di storia.


Dagli anni 20 agli anni 60, dagli esordi al boom economico.

Nel 1928 Angelo Motta inaugura il primo il Bar Motta in Galleria. Interamente progettato e arredato dall’architetto Melchiorre Bega, diventa subito un punto di riferimento per chi vive il centro della città.

Arrivano gli anni 50 e il boom economico: aumentano il reddito e anche i pasti fuori casa. La raffinata pasticceria del Bar Motta è protagonista indiscussa della domenica e meta abituale delle famiglie, che dopo la Messa al Duomo, acquistano i dessert per chiudere in dolcezza il pranzo. E’ in questi anni che viene inaugurato il ristorante al piano superiore (corrispondente all’attuale Terrazza Aperol), dove la Milano bene celebra matrimoni, battesimi e altri ricevimenti.


Dagli anni 70 agli anni 90, la crisi e un nuovo concetto di ristorazione.

La crisi del 1973 spinge imprenditori e ristoratori a trovare idee innovative per stuzzicare il palato degli italiani. Il Bar Motta vive una stagione di grandi cambiamenti. Il ristorante al piano superiore diventa lo Spaghetti-Bar dall’insegna al neon Magic e ai ricevimenti della tradizione si sostituisce un modo completamente nuovo di vivere la tavola. Nascono così i primi aperitivi alla milanese allestiti con ricchi e gustosi buffet a isole.

Intanto Milano si popola di ambiziosi yuppies, young urban professional, con il loro stile di vita frenetico. Per questo negli anni 90 il Bar Motta cambia nuovamente pelle trasformandosi in uno spazio multifunzionale, come lo conosciamo oggi, dove al bar si aggiungono la pizzeria, la birreria e i giochi per i bambini.